Differenza tra laccato laminato e impiallacciato

I mobili moderni offrono possibilità di personalizzazione infinite, è dunque fondamentale conoscere i materiali da utilizzare per progettarli e sceglierli al meglio. Qual’è la differenza tra laminato, laccato e impiallacciato?

Differenza tra laccato laminato e impiallacciato

Vediamo quale può essere la differenza tra laminato, laccato e impiallacciato. Le caratteristiche, come si effettua la manutenzione e gli eventuali accorgimenti da adottare per ognuna. Scegliere il materiale di un mobile ne condizionerà il suo utilizzo e sicuramente il suo prezzo finale.

Cos’è il mobile laccato?

Differenza tra laminato laccato

Il laccato è generalmente composto da un pannello di legno o fibre di legno, verniciato su entrambe i lati. Essendo una verniciatura applicata, le possibilità di personalizzazione sono pressoché infinite. E’ possibile coprire la scala colorimetrica RAL, realizzando qualsiasi sfumatura di colore. Le migliori aziende di mobili italiani come Arrex, Lago, Meson’s Cucine… propongono prodotti laccati di qualità, dove lo spessore della laccatura è adeguato a garantire l’integrità della brillantezza negli anni. E’ possibile scegliere tra laccatura lucida o opaca, due facce della stessa medaglia  che possono conferire, a parità di colore, sensazioni molto diverse.

Manutenzione della laccatura

Essendo una verniciatura e non un foglio applicato come vedremo nel caso del laminato, la laccatura necessita di alcune attenzioni particolari. Per effettuare la manutenzione e la pulizia, si consiglia di utilizzare un panno morbido inumidito con acqua e poco sapone neutro. Non utilizzare assolutamente spugnette abrasive, sgrassatori aggressivi, acidi, alcool o prodotti non adatti alla pulizia delle superfici laccate, che potrebbero alterarne il colore o addirittura rigare la superficie. Il mobile laccato è più delicato del laminato, va dunque effettuata la manutenzione con la dovuta cautela. Nel caso in cui il laccato dovesse scheggiarsi, pulite accuratamente la zona ed effettuate subito il ritocco con il botticino di vernice fornito all’atto dell’acquisto del mobile. Onde evitare ingiallimenti del colore si sconsiglia, come per i mobili in legno impiallacciato, di evitare l’esposizione al fumo di sigaretta e alla luce diretta del sole.

 Cos’è il laminato?

Il laminato hpl
ll laminato HPL

Il laminato è il materiale che si caratterizza per praticità di utilizzo, varietà di finiture ed igiene. E’ un foglio di materiale plastico impregnato con resine melaminiche che riveste il supporto, generalmente composto da pannelli di truciolato o MDF. E’ un materiale molto utilizzato nell’arredamento anche in zone sottoposte a forte usura e utilizzo. Invariabile nel tempo, difficilmente subisce variazioni di colore imputabili all’esposizione diretta del sole. E’ un materiale plastico che non assorbe i liquidi, garantendo un alto tasso di igiene se utilizzato come piano di lavoro in cucina. Disponibile in moltissimi colori, è particolarmente apprezzato per la caratteristica capacità imitativa del legno, resa ad oggi ancor più verosimile grazie alle nuovi superfici venate. Il laminato è per conformazione più resistente del laccato, più pratico nell’utilizzo e sicuramente più economico. Negli ultimi anni viene proposto anche nella sua versione Hpl, meglio conosciuto come laminato Fenix.

Il laminato HPL

Per approfondire nello specifico di cosa si tratta, vi rimandiamo a questo articolo: cos’è il laminato HPL? Grazie al laminato HPL, le applicazioni di questo materiale hanno avuto grande utilizzo in particolar modo nel mondo delle cucine. Ad oggi quasi tutte le aziende di cucine lo propongono tra i materiali a campionario. E’ possibile realizzare lavelli in laminato hpl, top cucina e ante. Infinite possibilità di progettazione con un materiale che ha pochi eguali in fatto di resistenza all’abrasione.

Manutenzione del laminato

Come per le superfici laccate, anche la manutenzione del mobile in laminato necessita di alcuni accorgimenti: utilizzare un panno morbido inumidito con sapone neutro per lo sporco di tutti i giorni. Per lo sporco più ostinato è possibile utilizzare: detergenti specifici, aceto per le macchie di calcare e delle spugnette morbide.

Cos’è il mobile impiallacciato?

L’impiallacciatura
Fogli di Impiallacciatura

L’impiallacciatura è composta da un foglio sottile di vero legno (generalmente alcuni millimetri) applicato su un supporto di particelle di legno, legno listellare o multistrato. Rientra tra i materiali più pregiati, conferendo al mobile quell’aspetto di naturalezza che solo il vero legno può dare. L’impiallacciatura è personalizzabile attraverso la verniciatura diretta oppure la laccatura. E’ il materiale più costoso dei tre analizzati, il più pregiato, ma come vedremo non il più pratico e resistente.

Manutenzione dell’impiallacciatura

Il mobile impiallacciato ha le caratteristiche del  legno come il calore al tatto e le venature naturali. La manutenzione di un mobile realizzato con l’impiallacciatura in legno deve essere effettuata con prodotti specifici, ponendo particolare cura alle applicazioni di prodotti per preservarne la brillantezza e proteggerlo nel tempo. La pulizia andrebbe eseguita solamente con un panno morbido per la rimozione della polvere. Con cadenza regolare si dovrebbe utilizzare la cera protettiva, da stendere anch’essa con un panno morbido seguendo sempre il senso della venatura del mobile. Malgrado le vernici utilizzate conferiscano al legno un alto tasso di impermeabilità, potrebbe comunque assorbire olii o sostanze chimiche; consigliamo di rimuovere al più presto qualsiasi sostanza entri in contatto con il legno dell’impiallacciatura. E’ un materiale che subisce nel tempo una notevole variazione di colore se esposto alla luce diretta del sole, specie nelle colorazioni più chiare o nelle tinte naturali.

Ora che conosci la differenza tra laminato, laccato e impiallacciato, puoi scegliere i tuoi nuovi mobili con più consapevolezza.

Torino, Gennaio 2015

Aggiornato il 26/09/2021

Roberto Vottero

 

 

Articoli correlati

Scegliere i colori per la camera da letto

Individuare le tonalità più adatte per la nostra casa non è mai semplice, ma scegliere i colori per la camera da letto necessita di un’attenzione tutta particolare. La camera da letto dev’essere, proprio per definizione, uno spazio rilassante, riposante.…

Come organizzare la lavanderia

Esiste uno spazio, all’interno delle abitazioni, di cui si parla poco ma che, in realtà, ha una grande importanza: la lavanderia. Tutti sempre a discutere di cucine, salotti, camere da letto e bagni, ma poter disporre di una…