Comodini: 4 soluzioni fuori dal comune

Fino a qualche anno fa, quando si arredava la camera da letto, generalmente la scelta ricadeva su una composizione fatta di letto, comodini, comò, armadio e lampade da comodino. Tutto rigorosamente abbinato. Al giorno d’oggi la tendenza è quella di osare un pochino di più. Quindi di optare per soluzioni alternative, soprattutto per quanto concerne la funzione dei classici comodini. Questi sono generalmente sostituiti da comodini sospesi.

Una volta appurate le esigenze individuali, si possono valutare diverse opzioni interessanti ed originali, per dare vita ad una camera da letto moderna e funzionale.

Mensole e tavolini come comodini sospesi

Comodino lago

Quando si tratta di dover studiare una soluzione che vada, in qualche modo, a sostituire la figura tradizionale dei comodini sospesi posti ai lati del letto, ecco che inevitabilmente si pensa subito a mensole e tavolini di vario genere. 

Partiamo proprio dalle mensole. Si tratta di un’opzione molto pratica e decisamente adatta anche per coloro che dispongono di poco spazio e desiderano i comodini sospesi. Infatti, il vantaggio di non avere un qualcosa di appoggiato a terra, ma semplicemente fissato alla parete, indubbiamente dona una sensazione di maggiore “ampiezza”. Anche se la camera non è di grandi dimensioni. Peraltro, esistono mensole per tutti i gusti e di qualsiasi forma e grandezza. Quindi non è affatto difficile trovare qualche bella mensola che sia in armonia con il resto dell’arredamento. A seconda delle necessità, se una sola mensola non dovesse essere sufficiente, se ne possono posizionare anche più di una. Magari ad altezze diverse, creando proprio un gioco di ripiani sospesi, utili ma anche belli da vedere. 

Le mensole, insomma, sono una perfetta soluzione salva-spazio ma sanno anche donare un tocco di eleganza e stile alla camera. 

I tavolini possono essere una valida alternativa

Un’altra opportunità è rappresentata dai tavolini, e anche in questo caso ci si può davvero sbizzarrire scegliendo tra i tantissimi modelli presenti sul mercato. 

Se parliamo di letto matrimoniale, può essere anche interessante andare a scegliere tavolini differenti da posizionare sui due lati. Così come può essere una soluzione fantasiosa, ma comunque vincente, quella di optare per soluzioni miste: mensoline da una parte e tavolino dall’altra, per esempio. 

Come dicevamo, i tavolini possono essere di mille forme, materiali, stili e dimensioni differenti. Ci sono quelli più snelli e minimalisti, adatti ad un certo tipo di arredamento e ad ambienti non troppo spaziosi. Così come possono esserci interessanti soluzioni più elaborate ed anche contenitive (con qualche cassettino per riporre piccoli oggetti, ad esempio). In ogni caso, parliamo di linee che siamo sempre stati abituati a trovare principalmente in salotto. Magari di fianco al divano o alla poltrona, ma che invece si possono integrare perfettamente con l’ambiente della camera da letto. 

Testiera del letto attrezzata con comodini

Letto Sangiacomo con comodini
Letto Ecletto Sangiacomo

Soprattutto quando lo spazio disponibile ai lati del letto non è moltissimo, o comunque se si preferisce non avere né tavolini né comodini di fianco, un’ottima soluzione è rappresentata dalla testiera del letto attrezzata. 

Cosa significa questo? Significa che, in fase di progettazione della camera, si può prevedere un letto che abbia alle sue spalle una struttura già tutta predisposta per poter svolgere senza problemi quel ruolo che, diversamente, sarebbe proprio prerogativa di comodini, ecc. 

Anche in questa circostanza, le opportunità sono molteplici a seconda delle esigenze e dei gusti personali, oltre che alla necessità di dover sempre creare un abbinamento gradevole rispetto al resto della camera. 

Possono esserci testiere molto semplici e poco ingombranti, in grado di offrire giusto qualche piano d’appoggio e magari piccoli vani per le cose essenziali, fino ad arrivare a strutture molto più imponenti che possono arrivare ad occupare l’intera parete, realizzate magari tipo boiserie: in questo caso, non mancheranno di certo i piani d’appoggio ed anche i vani per poter contenere moltissimi oggetti. Optando per una soluzione modulare e con illuminazione integrata, si può ricreare uno spazio perfetto non soltanto per il riposo, ma addirittura adatto per lavorare, guardare la tv, ecc. 

Illuminazione dal soffitto

Comodino sangiacomo
Illuminazione dal soffitto

Visto che l’abbiamo appena citata, vale la pena spendere qualche parola in più proprio in merito all’illuminazione. 

Illuminare bene un ambiente è importantissimo e la camera da letto, di certo, non fa eccezione. Anzi, è uno di quegli spazi dove risulta basilare riuscire a progettare l’illuminazione più adeguata: in una camera che è adibita, prevalentemente, al riposo e al relax, è fondamentale che le luci siano posizionate in modo corretto e che abbiano determinati requisiti. 

Di solito, in camera da letto si opta per una serie di appliques alle pareti, capaci di illuminare ma senza abbagliare, oppure si può scegliere anche un lampadario da soffitto, anche in questo caso con caratteristiche ben precise: fare luce, sì, ma anche in maniera sufficientemente soffusa quando serve. 

La zona del letto, però, merita un discorso a sé. Tradizione vuole che, di solito, si scelgano delle lampade da appoggiare sui comodini, sui tavolini o sulle mensole che si è deciso di collocare ai lati del letto stesso. Ma questa non è l’unica soluzione possibile. 

Infatti, anche per illuminare in maniera più mirata la zona del letto, si possono scegliere dei punti luce provenienti dal soffitto: una bella lampada a sospensione proveniente dall’alto, o anche l’insieme di più lampade che scendono dritte verso la zona comodini/tavolini/testiera, può dare un’impronta di grande personalità all’intera stanza. Un’alternativa molto di tendenza rispetto alle soluzioni più tradizionali.

Nicchie in cartongesso

Comodino in cartongesso
Nicchia in cartongesso dietro il letto

Sempre prendendo spunto dal discorso inerente l’illuminazione, vediamo ora quale può essere un’ulteriore opportunità per arredare la zona del letto in maniera un po’ anticonvenzionale, quindi non con i soliti comodini. 

In fase di progettazione della camera, si può pensare alla creazione di una vera e propria parete attrezzata in cartongesso, in mezzo alla quale inserire il letto. Si tratta di un’alternativa piuttosto semplice da realizzare, affidandosi a mani esperte, ed anche i costi possono rivelarsi piuttosto contenuti. 

Grazie al cartongesso si possono creare nicchie di varie misure, perfette per riporre qualsiasi tipo di oggetto, inclusi eventuali libri, soprammobili, cornici, ecc. In questo modo, si può sfruttare completamente la dimensione della parete, anche in altezza, creando così una struttura pratica ma anche molto scenografica. 

In questo contesto, riuscire ad inserire un’adeguata illuminazione, composta da faretti o led integrati che possono sostituire le classiche lampade da comodino, può indubbiamente accrescere la funzionalità delle nicchie in cartongesso e rendere tutto l’insieme estremamente più bello anche dal punto di vista estetico. 

Articoli correlati

Come progettare un bagno di grandi dimensioni.

Uno dei problemi più diffusi, all’interno delle nostre case, è quello di avere bagni troppo piccoli. Molto spesso ci si ritrova a dover fare i conti con pochissimi metri quadri…

Perchè comprare il forno a vapore?

Il forno è uno di quegli elettrodomestici che non può mancare in cucina. Nel corso degli anni, così come è accaduto anche per altre apparecchiature domestiche, il forno si è molto evoluto. Un tempo esistevano soltanto quelli di tipo tradizionale, con una cottura di tipo statico, poi si è passati a quelli che hanno anche la possibilità di cuocere in modalità ventilata.