Divano meglio pelle o tessuto?

La scelta del divano non è mai cosa semplice, si tratta di uno degli elementi d’arredo più importanti di tutta la casa e, dunque, è necessario valutare tutti i pro e i contro prima di effettuare l’acquisto. Divano meglio pelle o tessuto? Scopriamo insieme pro e contro.

Ci sono fattori da cui non si può prescindere, è chiaro. Il divano deve essere, innanzitutto, di buona fattura, solido: ci si augura che durerà moltissimi anni e, pertanto, dovrà essere in grado di affrontare insieme a noi una lunga vita domestica, fatta anche di pisolini, bambini che ci saltano sopra, cani, gatti e quant’altro!

Scegliere il rivestimento più adatto.

Se la robustezza deve essere il punto di partenza, poi ci sono altri aspetti importanti che entrano in gioco, come ovviamente la scelta della forma e dello stile più adatti al contesto, del colore e, cosa fondamentale, del tipo di rivestimento. 

Divano meglio pelle o tessuto
Divano Lars di Bonaldo

Quando si parla di divani, di solito ci si ritrova di fronte ad un bivio. Ci sono quelli in pelle e quelli in tessuto, quale sarà la scelta migliore? A seconda dei gusti personali, ma anche e soprattutto a seconda delle proprie effettive necessità, è importante individuare fin da subito quale sia la soluzione più adatta per la propria casa. 

Divano in pelle o tessuto? I divani in pelle.

Partiamo dalla pelle. E’ senz’altro un tipo di rivestimento destinato a durare molto a lungo, anzi di solito acquista punti in termini di bellezza e fascino proprio con l’andare degli anni. Un buon divano in pelle dall’aspetto un pochino vissuto fa sempre la sua bella figura, in qualsiasi contesto. Vissuto non significa trascurato. Infatti la pelle ha bisogno di essere periodicamente pulita e “nutrita” con appositi prodotti. Questo per fare in modo che si conservi intatta (o quasi) la morbidezza e la gradevolezza alla vista e al tatto. 

Piccole imperfezioni, che talvolta possono essere presenti fin da subito, sono spesso sinonimo proprio di qualità e genuinità della materia prima. E anche di fattura di tipo artigianale. Non devono, quindi, impensierire. In caso di piccoli o grandi incidenti di percorso, è comunque sempre possibile intervenire con specifici prodotti che consentano di effettuare dei ritocchini, laddove necessario. 

Divano Stripe di Cava Divani

Volendo proprio individuare un aspetto negativo, i divani in pelle purtroppo non sono sfoderabili. Pertanto, soprattutto se in casa sono presenti animali domestici o bambini un pochino irrequieti e pasticcioni, effettivamente optare per un divano in pelle, soprattutto se di colore chiaro, potrebbe essere un pochino più rischioso. In realtà, quando il danno è di lieve entità, la pelle è addirittura più facilmente pulibile di certi tessuti. Infatti anche solo passandoci sopra velocemente un panno si riesce a rimediare. Resta il fatto, però, che un vero e proprio lavaggio non è possibile: questo è, in effetti, un fattore di cui tener conto.

Il divano in pelle è anallergico

A parte l’indiscutibile fascino, la pelle ha comunque anche un altro importante vantaggio: il pellame è, per sua stessa natura, anallergico. Dunque, si tratta di un’ottima soluzione per tutti coloro che soffrono di allergie agli acari, ad esempio. Capire se il divano è meglio in pelle o tessuto non è affatto semplice. E’ sicuramente un gusto personale.

Divani in tessuto: tante possibili soluzioni pratiche.

Come dicevamo, un divano in pelle non può essere sfoderato, cosa invece quasi sempre possibile con i migliori divani rivestiti in tessuto. Questo, chiaramente, semplifica eventuali operazioni di pulizia più accurata.

Peraltro, parlare di tessuto è estremamente generico: sono tantissime, a questo proposito, le opzioni possibili. I tessuti che vengono più comunemente utilizzati per rivestire i divani sono il cotone e il lino. Ma l’aspetto fondamentale è che siano di ottima qualità, così da garantire al divano un bell’aspetto anche per diversi anni. Tessuti scadenti, magari mescolati a sintetici non di buona qualità, possono rapidamente logorarsi. Formare, per esempio, quei piccoli ed antiestetici pallini che tutti ben conosciamo.

Ecco perché è necessario, nella scelta del tessuto più adatto, lasciarsi consigliare da un esperto e non concentrarsi soltanto sul colore o sul design. E’ indubbiamente importante abbinare bene la tonalità e lo stile del divano rispetto all’arredamento del salotto. Ma è altrettanto importante optare per un tessuto pratico, resistente e destinato a durare. 

I divani in velluto

Tra i vari tessuti, merita un piccolo discorso a sé il velluto. E’ un rivestimento un pochino più inconsueto. Certamente non facilissimo dal punto di vista della manutenzione, ma che può dare risultati sorprendenti, e non soltanto in ambienti arredati in stile classico. Al contrario, può essere un tessuto un po’ anticonvenzionale proprio per chi ama il moderno e desidera inserire un tocco originale e sofisticato nella propria zona living. Per esempio, molti divani di Bonaldo in velluto vengono inseriti all’interno dei nostri progetti.

Tornando ai tessuti, intesi anche come soluzione molto pratica, va detto che la tecnologia ha fatto passi da gigante negli ultimi anni: oggi non è affatto difficile trovare stoffe antimacchia in grado di garantire un’ottima resistenza all’acqua, al vino, alle bibite in generale ed anche alle sostanze oleose: grazie ad un particolare trattamento, i liquidi non penetrano nelle trame del tessuto, consentendo un’immediata ed efficace pulizia.

Sono sempre più diffusi, insomma, i tessuti da divano facilmente smacchiabili, praticamente idrorepellenti e, molto spesso, anche trattati in modo tale da risultare anallergici. Sono anche più resistenti ai lavaggi e addirittura ai graffi (chiunque possieda un gatto, sa bene quanto questo aspetto possa essere importante!) 

Divano meglio pelle o tessuto? I divani in pelle scamosciata.

Divano Daytona di Cava Divani

C’è poi una terza opzione possibile. Una valida alternativa alla classica pelle (da molti considerata un pochino fredda e, al tempo stesso, dall’effetto un po’ “appiccicoso”): stiamo parlando della pelle scamosciata. Molto di moda già negli anni ’70, sta tornando ad essere una soluzione di grande tendenza. 

I divani realizzati in pelle scamosciata hanno senza dubbio un aspetto molto sofisticato e sono perfetti per chi cerca qualcosa che dia un’impronta un po’ vintage all’ambiente. Divani che sanno essere accoglienti, ma anche dotati di una certa personalità, indubbiamente un bel tocco di stile in salotto.  

La manutenzione della pelle scamosciata richiede, ovviamente, qualche accorgimento in più, così come accade per la pelle comune. In commercio esistono appositi prodotti per eliminare eventuali macchie, ma in ogni caso è necessario prendersi cura del divano periodicamente. Ad esempio passando un’apposita spazzola per pelli scamosciate, oppure un panno adatto, ed anche utilizzando spesso l’aspirapolvere per rimuovere briciole e altri piccoli residui.

Articoli correlati

Lago Weightless. La libreria sospesa

Parlare di libreria, oggi, non significa più riferirsi alla semplice scaffalatura da collocare da qualche parte in casa, e nella quale riporre decine e decine di volumi. La libreria, negli ultimi anni, è diventata un elemento d’arredo importantissimo, in grado di svolgere funzioni…

Come progettare un bagno di grandi dimensioni.

Uno dei problemi più diffusi, all’interno delle nostre case, è quello di avere bagni troppo piccoli. Molto spesso ci si ritrova a dover fare i conti con pochissimi metri quadri…