Lapitec Chef. Il piano cottura invisibile

La cucina è, quasi certamente, l’ambiente della casa che meglio di qualunque altro si presta all’introduzione di nuovi elettrodomestici moderni, soluzioni tecnologiche e complementi innovativi. Ma cosa può esserci di più sorprendente e sensazionale di un piano cottura che c’è… ma non si vede? Hai letto bene. La novità del 2023 è il piano cottura a induzione che diventa invisibile.

Pertanto, se ami restare sempre aggiornato sulle ultime tendenze, se ti piacciono le cucine moderne e lineari e se sei patito di ordine e pulizia, questo articolo è decisamente per te!

Una panoramica sul piano cottura invisibile e come funziona.

Chi possiede un piano cottura a induzione lo sa bene: si tratta di una soluzione decisamente moderna e in grado di soddisfare le esigenze estetiche e quelle pratiche in maniera più che soddisfacente.

Tuttavia, anche con i piani cottura a induzione, un minimo di dislivello tra il piano stesso e il top viene a crearsi. E questo determina, inevitabilmente, qualche piccolo problema in più quando si deve pulire. Nulla di troppo grave, sia chiaro, ma non è sempre sufficiente dare una semplice passata veloce di panno e via!

Da questo punto di vista – possiamo dire di tipo igienico e pratico – ecco che l’aver inventato un piano cottura perfettamente integrato nel top della cucina è un qualcosa di davvero straordinario.

Parliamo di un piano cottura a induzione completamente invisibile, nascosto al di sotto del top della cucina.

In pratica, sembra di avere un normalissimo piano di lavoro, perfettamente liscio e quindi facilissimo da tenere in ordine e da pulire. E invece… sotto si cela un piccolo mondo tecnologico che forse non ti saresti mai aspettato. 

Ma come funziona il piano cottura nascosto?

Il suo funzionamento è del tutto analogo rispetto a quello degli altri piani a induzione. Ciò che lo fa funzionare è la reazione tra la superficie del piano (anzi, del top, in questo caso) e il fondo delle pentole.

A tale proposito, vale la pena ricordare che le suddette pentole devono necessariamente essere modelli realizzati apposta per poter essere utilizzati con piani cottura a induzione.

Detto questo, la cottura realizzata in questo modo risulta molto rapida ed efficiente. Con un piano invisibile, diventa quasi “magica”.

I top utilizzati per questo tipo di realizzazioni sono delle lastre sinterizzate in diverse varianti materiche.

Le caratteristiche estetiche e i pregi del Lapitec Chef.

Quando il piano cottura non è acceso, non si vede praticamente nulla. Soltanto il piccolo display e i comandi touch. Per il resto, ci si ritrova in presenza di un piano di lavoro completamente piatto e libero da ogni possibile ingombro.

Alcune aziende, per rendere ancora più sicuro ed efficace questo sistema, hanno previsto che il sistema si attivi soltanto posizionando sul top degli appositi “tappetini” di silicone. Grazie ad alcuni sensori magnetici, i comandi si attivano e si può iniziare a cucinare.

Se vuoi scoprire qualcosa di più su questo affascinante mondo nascosto, ti consigliamo di dare un’occhiata a questo sito: https://www.lapitec.com/it/applicazioni/kitchen/piano-a-induzione-lapitec-chef

Scoprirai un mondo inaspettato nel quale la tecnologia ha incontrato il design più essenziale, dando origine ad un qualcosa di assolutamente unico.

Abbiamo già detto che uno dei vantaggi principali del piano a induzione nascosto è quello di poter pulire in modo agevole ed accurato, dal momento che si ha a che fare con una superficie completamente liscia.

Ma non dimentichiamoci di un altro aspetto importante, soprattutto per chi dispone di una cucina non troppo grande e quindi ha costantemente bisogno di spazio. Considerando che il piano cottura viene attivato solo quando necessario, significa poterne disporre come se fosse un normalissimo piano di lavoro per tutto il resto del tempo. Se non si hanno molti altri ripiani disponibili per tutte le varie lavorazioni (cibi da tagliare, da impiattare, ecc.), non è un dettaglio di poco conto. Tra l’altro, i top sono solitamente realizzati in materiali molto resistenti. Pertanto, sono perfettamente in grado di sopportare le comuni operazioni che si svolgono in cucina quando si preparano le varie pietanze.

Articoli correlati

Come progettare un bagno di grandi dimensioni.

Uno dei problemi più diffusi, all’interno delle nostre case, è quello di avere bagni troppo piccoli. Molto spesso ci si ritrova a dover fare i conti con pochissimi metri quadri…

Perchè comprare il forno a vapore?

Il forno è uno di quegli elettrodomestici che non può mancare in cucina. Nel corso degli anni, così come è accaduto anche per altre apparecchiature domestiche, il forno si è molto evoluto. Un tempo esistevano soltanto quelli di tipo tradizionale, con una cottura di tipo statico, poi si è passati a quelli che hanno anche la possibilità di cuocere in modalità ventilata.