Come arredare la casa al mare

Avere una casa al mare è, ammettiamolo, il sogno di molti. Un sogno che, per alcuni, è anche realtà. Non è detto che si debba trattare di un appartamento enorme o addirittura di una villa. Spesso si tratta anche solo di un piccolo rifugio che deve essere arredato in modo tale da valorizzarne i punti di forza. Qui di seguito cercheremo di dare qualche suggerimento per arredare con stile una casa al mare.

Colori e tessuti per la casa al mare

Quando si pensa ad un arredamento in stile tipicamente marinaro, i primi colori che vengono in mente sono, senza dubbio, il bianco e il blu. E’ un connubio sempre vincente, che richiama inevitabilmente le atmosfere tipiche delle località marine. 

Come arredare la casa al mare

Partendo dalle pareti, ad esempio, questi due colori possono essere abbinati in tanti modi diversi e utilizzando vari sistemi: la semplice pittura, la carta da parati, le piastrelle, il legno tinteggiato… 

Per rendere luminoso l’ambiente, si può prediligere il classico bianco e poi creare degli effetti particolari facendo invece delle pareti a contrasto blu. Un blu che, a seconda delle preferenze, potrà a sua volta essere più o meno scuro ed intenso.

Si possono prediligere pareti in tinta unita, ma anche optare per qualcosa di più estroso. Ad esempio delle righe orizzontali bianche e blu dipinte direttamente sulla parete. Oppure una carta da parati con una fantasia a tema. Oppure delle ceramiche decorate in stile marinaro, oppure ancora delle assi di legno, magari un po’ grezze, tinteggiate ad hoc. 

Ma non ci sono soltanto le pareti, ovviamente. In una casa al mare sono tantissimi gli elementi dell’arredamento che possono fare la differenza per quanto riguarda il design di tipo “nautico”. Cuscini, tovaglie, tende, tappeti, rivestimenti di sedie, poltrone e divano, e molto altro ancora. 

Anche in questo caso, il blu può farla da padrone, ma nulla vieta di inserire anche altri colori che richiamino quello stile e che si raccordino bene tra loro. Dettagli rossi o gialli, ad esempio, potrebbero essere molto adatti. 

I tessuti da prediligere sono quelli naturali. In particolare, il cotone, la canapa, la iuta e il lino sono senz’altro i più adatti. Con la scelta dei colori giusti, sapranno donare immediatamente un tocco di freschezza e solarità all’ambiente. 

Altri accessori per arredare la casa al mare 

Colori a parte, anche gli oggetti in sé possono giocare un ruolo di rilievo. In una casa al mare, inserire qua e là degli elementi decorativi che richiamino esplicitamente lo stile nautico, è importantissimo. Dei vecchi remi, un’ancora, una composizione di conchiglie o stelle marine, delle belle corde con dei nodi, delle reti da pescatore, piatti decorati, lanterne, candele. Sono tantissime le idee da sfruttare, semplicemente dando libero sfogo alla propria fantasia e avendo cura di fare i giusti accostamenti!

Molto adatti, inoltre, tutti gli elementi in legno naturale ed anche tutto ciò che è fatto di paglia, vimini e bambù. Materiali e tonalità neutre che si sposano perfettamente con il bianco, il blu ed anche con eventuali altri tocchi di colore. 

Persino i vecchi mobili che magari si erano da tempo archiviati in soffitta o in garage, possono avere un’altra occasione proprio nella casa al mare. Con gli opportuni accorgimenti, carteggiandoli e ritinteggiandoli, ad esempio, si può dare loro una seconda vita ed ottenere risultati di grandissimo effetto. 

Come ottimizzare gli spazi

Come dicevamo, nella maggior parte dei casi le abitazioni al mare rappresentano una seconda casa e non hanno dimensioni particolarmente generose. 

Ciò non toglie minimamente fascino a questi appartamenti. Anzi il fatto stesso che non siano troppo grandi li rende ancora più accoglienti e dona loroquell’atmosfera bellissima che sa tanto di “nido”, di rifugio. 

Certo è che, se lo spazio non è moltissimo, deve essere sfruttato nel miglior modo possibile. L’ambiente deve risultare rilassante, accogliente e funzionale al tempo stesso. Ogni centimetro deve essere ottimizzato per non rinunciare alla possibilità di trovare la giusta collocazione a tutto. 

Se la zona giorno (cucina/salotto) è, sempre e comunque, il fulcro della casa, in un’abitazione al mare lo diventa ancora di più. Molto probabilmente una casa al mare è destinata ad ospitare anche amici e famigliari. E’ dunque necessario che questo ambiente venga reso più ampio e fruibile possibile.

In particolare, visto che quando si è al mare si trascorre molto tempo fuori casa, è importante dedicare le giuste attenzioni alla zona pasti. Ritrovarsi a tavola, con la propria famiglia o anche con qualche ospite, è una bella consuetudine che deve essere resa possibile ed anche valorizzata. Se la metratura a disposizione non è molta, meglio pensare a qualche soluzione salvaspazio, come ad esempio tavoli con prolunghe o addirittura a scomparsa. 

Come arredare la casa al mare con i mobili trasformabili

Molto utile, inoltre, può essere l’acquisto di divani-letto o di mobili trasformabili che diano la possibilità di poter ospitare qualcuno anche per la notte. 

Infine, può essere utile progettare armadi che vadano a sfruttare, in altezza, larghezza e profondità, anche quelle nicchie che, diversamente, non avrebbero una grande utilità. In questo modo, si può ricavare moltissimo spazio in più per riporre vestiti, teli per la spiaggia, valigie, giochi dei bambini, biancheria varia, ecc. 

Se si dispone anche di uno spazio esterno, che sia un semplice balcone/terrazzino o addirittura un po’ di giardino, anch’esso dovrà essere valorizzato al meglio. Così da poter essere utilizzato per cene con i propri cari o semplicemente per piacevoli momenti di relax. Anche in questo caso, l’arredamento potrà essere progettato in modo tale da sfruttare al meglio la metratura disponibile, pur senza tralasciare minimamente l’aspetto estetico. 

Soluzioni che creino, ad esempio, una certa continuità di stile e colori rispetto all’ambiente interno, potrebbero essere le più azzeccate.

Articoli correlati

Come progettare un bagno di grandi dimensioni.

Uno dei problemi più diffusi, all’interno delle nostre case, è quello di avere bagni troppo piccoli. Molto spesso ci si ritrova a dover fare i conti con pochissimi metri quadri…

Perchè comprare il forno a vapore?

Il forno è uno di quegli elettrodomestici che non può mancare in cucina. Nel corso degli anni, così come è accaduto anche per altre apparecchiature domestiche, il forno si è molto evoluto. Un tempo esistevano soltanto quelli di tipo tradizionale, con una cottura di tipo statico, poi si è passati a quelli che hanno anche la possibilità di cuocere in modalità ventilata.